mercoledì 29 agosto 2007

Gaspard Ullier

Ed eccoci di nuovo qua, dopo due settimane di pausa, che spero voi "sex symbol maniacs" siate riuscite/i ad affrontare senza accusare preoccupanti contraccolpi psicologici.
Non mi pare ci fosse modo migliore di ricominciare l'anno accademico che con un bel bambesio, un'imberbe francesino di nome

Gaspard Ullier

Efebico nuovo volto (se la gioca col rossiccio di qualche puntata fa) del cinema francese, questo buchilio pargolo è stato iniziato al cinema tramite gli agganci dei genitori stilisti, anche se la totale latitanza del suo cognome dalle passerelle degli ultimi 20 anni ci fa probabilmente intuire che costui sia figlio della versione parigina del classico "cenciaio" della periferia Pratese; non mi meraviglierei se si scoprisse che il padre ha fatto i soldi vendendo il suo capannone pieno di abiti vintage a Jean Paul Gaultier, il quale lo ha ristrutturato con un paio di scaffali dell'Ikea e rivende i capi ivi trovati spacciandoli come la sua collezione "JPG Jeans", mostrandosi arguto interprete della classica operazione di "overselling" tipica del mondo della moda.
Ma, divagazioni a parte, cosa rende famoso questo faccia di brodo è soprattutto la sua apparizione nel fim "hannibal lecter -le origini del male", ennesima puntata della "saga a ritroso" scaturita dal successo del "silenzio degli innocenti" e che sta producendo kolossal di qualità sempre più infima, vi basti pensare che il nostro bamboccino interpreta nel film proprio la parte del futuro serial killer...
Ora, ok per le sopracciglia inarcate, classico luogo comune di "diabolicità" nell'immagine stereotipata che il cinema propone alle masse (boia!), ma io vorrei sapere chi cazzo è il genio di direttore casting che ha scelto una faccina così manfruita per interpretare uno dei più efferati squarciatori della storia della fiction!
Mi sa che questo qui ha effettivamente qualche santo in paradiso, oppure, più semplicemente, ha concesso le sue grazie posteriori al regista, che, anche se non so chi sia, è sicuramente un pederasta...

Arrivederci alla prossima puntata!







mercoledì 15 agosto 2007

Agosto, il mese più freddo dell'anno

Da buon italiano medio, anche il moderatore va in vacanza d'Agosto,
e quindi il settimanale appuntamento con la lussuria è rimandato di una ma forse anche due settimane, lo scopriremo solo vivendo...

A presto!

mercoledì 8 agosto 2007

Roque Santa Cruz

Eccoci di nuovo qua, come ogni mercoledì, a celebrare la beltade del gaglioffo di turno.
Ancora non si è spenta la polemica antitorera della scorsa settimana che io, per cavalcare l'onda del "Sabor Latino",
vi sparo così, a bruciapelo, questo ben tornito paraguayano di nome:

Roque Santa Cruz

Questo calciatore 26enne proveniente da Asuncion ha già scalato varie classifiche di piacimento, essendo stato votato
nel 2003 giocatore più sexy del campionato tedesco, e addirittura, nella scorsa estate 2006, come il giocatore più bello dei mondiali di calcio teutonici, titolo ingiustamente trascurato dalle cronache nostrane, inspiegabilmente occupate nella celebrazione del cammino della nostra nazionale, piena zeppa di sudici gobbi e ibridi anelli di congiunzione fra l'uomo e il primate come Gattuso o, peggio ancora, Camoranesi, che riesce nella non facile impresa di rientrare in entrambe le categorie...
Ora, alla luce degli indizi che vi ho già svelato, si capisce che questo inutile sudamericano ha trascorso gran parte della sua carriera nel Bayern Monaco, nella arcinota patria del buon gusto ai più conosciuta come "Baviera", e questo vi dovrebbe far capire come non siano molto attendibili i succitati riconoscimenti di bellezza, dal momento che saranno stati sicuramente affibbiati da giurie composte da abituali consumatrici di krauti che vanno a giro con i pantaloni fucsia e la golf gti con il pelo di pecora sui sedili, ma dal momento che il vostro sottoscritto moderatore (che ben conosce ormai i vostri gusti) ha trovato comunque un che di lascivo nella sua carnagione ambrata e nella sua boccuccia storta, ha pensato di sottoporlo al vostro giudizio, che ovviamente è mooooooolto più attendibile di quello di uno stuolo di valchirie assatanate e quindi giù con la sassaiola di commenti!








mercoledì 1 agosto 2007

Cayetano Rivera Ordonez

Mercoledì primo agosto, tempo di ferie, ma non per il vostro moderatore, che trainato dalla vampa mediterranea, ha scelto per voi questo pezzo di hombre chiamato:

Cayetano Rivera Ordonez

Di professione, ammesso che tale possa essere considerata, torero, figlio e fratello di toreri (ma che bell'albero genealogico, magari l'avessero potato qualche tempo fa...), questo fustone nerboruto, probabilmente per osmosi cornuto, è convalescente da due giorni per un incornamento alla coscia da parte del fierissimo toro, che, facendosi portavoce della rabbia di tutti i comuni mortali del regno di spagna, gelosi dell'avvenenza del modello-matador, ha cercato di mandarlo al creatore, ma, ahimè, non c'è riuscito.
E pensare che io avevo già pronto un pezzo strappalacrime sull' "Eros e Thanatos", sul Toro come simbolo della rivalsa dell'uomo comune sull'adone che sfila per Armani, ed invece niente, ancora una volta, come quasi sempre nella vita reale, a spuntarla è colui al quale la natura ha donato lo sguardo sensuale, il bicipite modellato stile collina delle Crete Senesi, la schiena eretta e le labbra carnose.
Speriamo almeno che la taurina foga abbia sfigurato gli arti inferiori di questa sorta di innesto (sempre botanicamente parlando) fra Tiberio Timperi e Walter Nudo e incitiamo il prode bovino a raddrizzare la mira in modo tale che la prossima volta possa sparare la sua cornata un po più verso l'interno coscia...

AGA TORO!!!!