mercoledì 12 novembre 2008

James Franco

Nelle ultime settimane ho dispensato razioni di lussuria tali da soddifare anche gli ormoni di cicciolina, quindi, per quest'oggi, mi pare si possa rientrare un po' fra i ranghi, senza ovviamente perdere il gusto per il conturbante, il proibito, il voluttuoso, in poche parole (due, per la precisione) il sex symbol.

Direttamente da Palo Alto, con evidenti origini mediterranee, arriva:

James Franco

Attore esordiente, non più di tanto negli U.S.A., dove è ormai avviato sulla strada verso lo stardom, dopo aver raccolto qualche riconoscimento più o meno considerevole, per arrivare alle più recenti attese, soprattutto da parte del pubblico femminile, impaziente di vederlo nel ruolo di amante di Sean Penn nel film di prossima uscita "Milk", diretto dal sempre più venerabile principe del disagio Gus Van Sant.
Nel frattempo, il nostro franchino, classe '78 (una delle migliori annate, a livello di sex symbol, secondo i soliti ben informati) ne ha percorsa di strada, dagli esordi in telefim sfigati, che puntualmente si interrompevano alla puntata pilota, ai recenti trionfi come testimonial della fragranza "Gucci by Gucci", creata appositamente per lui grazie ad una miscela di essenza di cannella e anice lattescente per riuscire a sopraffare lo spiacevole odore di cavallo putrefatto che James si portava dietro, misteriosamente ereditato da un antico avo centauro.
È proprio grazie all'essersi gettato alle spalle questo secolare marchio di infamia, che il bel Franco ha cominciato la sua scalata verso l'Olimpo di Hollywood, dove probabilmente, giuntovi al culmine della carriera, incontrerà il suo avo Centauro (che pare si chiami Franco James), e lo riuscirà finalmente a bruciare (unico modo possibile per dare la morte ai centauri) utilizzando come lanciafiamme un banale accendino, reso letale dallo spruzzo del profumo Gucci verso la fiamma, in una eroica rappresentazione aggiornata del classico "Davide vs. Golia", "Bello vs. Brutto", "James vs. Franco".












10 commenti:

CE ha detto...

Ora, bellino l'è bellino, ci mancherebbe, ma è giovanino...ancora si deve fare... Vi dirò, guardando il trailer sul film dei buchi, ho pensato che come sex symbol è meglio il buon vecchio Sean (anche se non è alto giovane e abbronzato)

saluti, Ce

lagiulia ha detto...

ma che giovanino. va ma proprio bene. bravo moderatore, 8 e mezzo.

baci dall'altra parte del mondo!

Beatrice ha detto...

Approvo.
Il sex symbol intendo.
A me mi garba...aspetto pulito, gioviale, la mia pedofilia inoltre si sa... è ben radicata, quindi approvo totalmente la scelta.
Si.
Il fatto che appartenga alla stirpe dei centauri chiaramente aumenta fortemente la mia stima sia verso di lui che verso il moderatore.

un bacio
Bea

Kathleen ha detto...

mi garba! gli do 10!
ma essendo al corso di informatica dell'università, non avendo resistito al richiamo del mercoledì, ed essendomi imboscata illegalmente nella posta, non posso soffermarmi troppo sui commenti ne sulle immagini, se no anche la prof si ingrifa...
Kathleen

Anonimo ha detto...

grande
si mi garba
anche se non so se è perchè mi ricorda tanto jeff buckley
bellino si
bet

ps concordo molto anche su sean penn

Anonimo ha detto...

non male il pinocchietto
ma avendo voi incautamente rammentato l'adorato sciòn, questo, poerino, passa in secondo piano.
angi

Anonimo ha detto...

se vi piace i' Giacomo Frank guardate com'e' in Tristan e Isotta.
Ho visto il film venerdi scorso e sto ancora male. Che fiho esagerato...
per me 10+++

grazie per aver accettato il suggerimento Mod.
you made my day

baci
l'aRmanda

Anonimo ha detto...

ma che fico i'nostro franchino!!nessuna nota negativa, il suo mestiere di sex symbol lo sa fare proprio bene... a avenne!! bravo moderatore, ottima sceltaaaa!

baci
Paola

Beatrice ha detto...

è vero però...Lo Scion è intoccabile.
Ma questo è proprio bono, via.

Anonimo ha detto...

Giovane e bono. Largo ai nuovi sex symbol!
raffa