mercoledì 8 luglio 2009

Paul Gascoigne

Mi trovo particolarmente a mio agio, quest'oggi, nel celebrare un tipico esempio di "Inglese distrutto", una sorta di versione contemporanea, anche se ultimamente un po' latitante, del "bello e dannato", del quale rappresenta una versione magari meno globalmente apprezzata ma sicuramente molto più originale, divertente e soprattutto meno inflazionata.
E certo non esiste, nella suddetta categoria, chef d'ouvre migliore di:

Paul Gascoigne


Calciatore burlone fuori e dentro al campo, tanto talentuoso quanto indisciplinato, soprattutto quando si tratta di varcare la soglia di un qualsiasi pub, sfortunato ed autolesionista, per farla breve, una vera e propria icona del made in UK degli ultimi 30 anni (minimo).
Gazza, questo il soprannome che lo ha sempre accompagnato, anche nella sua breve comparsata italiana, riassume nel suo percorso la più invidiabile ascesa della star dalla effimera fama, ma indelebile nel ricordo:
le glorie sportive sempre avvistate ma mai completamente raggiunte, anche a causa di una notevole sfortuna, il matrimonio con classico puttanone (già andato a rotoli da anni, ovviamente), l'inesorabile declino a colpi di sbronze colossali e crolli psichici ripetuti, puntualmente testimoniato dai tabloids, che allo stesso tempo, a coferma del mito che circola ancora attorno al suo nome, passano a celebrare la di lui figlia (bona), che impazza nei reality show della terra d'Albione, mentre il padre scompare, tenendo con il fiato sospeso un'intera nazione che non ha mai smesso di amarlo, per poi periodicamente riapparire in condizioni sempre più devastate, giusto per sottolineare la sua statura di star, che la parabola discendente che ha ormai irrimediabilmente intrapreso renderà ancora più fulgida, sempre più immortale, unica ed irripetibile.
Amen











3 commenti:

Anonimo ha detto...

ORGOGLIO BRITANNICO...
(ma non sarebbe il caso...)

Anonimo ha detto...

paul gascoigne
con l'orecchino
paul cascoigne
facci un b.......

coro da stadio: te ne rammenti?
angi

Anonimo ha detto...

fantastico.
Nato il mio stesso giorno....

Morax